TRIESTE E’ BELLA DI NOTTE

TRIESTE E’ BELLA DI NOTTE

di Andrea Segre, Matteo Calore, Stefano Collizzoli

Italia, 2023
Documnentario – 75′

Fotografia: Matteo Calore
Musiche: Sergio Marchesini
Montaggio: Chiara Russo

Produzione: ZaLab Film, Vulcano

Distribuzione: ZaLab Film

 

INFO E ORARI:

SALA ODEON

GIOVEDì 26 GENNAIO: 20.45
SarĂ  presente in sala il regista Andrea Segre

NUOVA SALA LAMPERTICO

MARTEDì 31 GENNAIO: 16.30
MERCOLEDì 1 FEBBRAIO: 18.00

 

Intero € 6,50 – € 7,50 (solo Ven-Sab-Dom in Nuova Sala Lampertico)

Ridotto* € 5,50 – € 6,50 (solo Ven-Sab-Dom in Nuova Sala Lampertico)

*over 60, giovani fino ai 26 anni, studenti con carta Vi-University

SINOSSI

Documentario che racconta ciò che accade nel confine tra Slovenia e Italia, qualche chilometro sopra Trieste, dove giungono i migranti asiatici della rotta balcanica. Dopo essere riuscite ad attraversare la frontiera, queste persone rischiano di essere rimandati indietro, in Bosnia, se fermati dalle guardi italiane. Così facendo, viene tolta la loro possibilitĂ  di un’identificazione e di una richiesta di asilo. I fermi da parte delle guardie italiani sono operazioni che il nostro Ministero dell’Interno ha introdotto nel maggio del 2020, definendole “riammissioni formali”. Successivamente, nel maggio 2021, il Tribunale di Roma ha decretato che sono illegali e sono state sospese, ma il 28 novembre 2022, con il passaggio al nuovo governo, queste operazioni sono state riattiviate. A raccontare cosa si cela dietro di esse, come avvengono e soprattutto cosa accade a chi le subisce, sono alcuni migranti respinti. Le storie di questi uomini e di queste donne vengono raccontate tramite le immagini raccolte con gli smartphone durante il viaggio, mettendo in luce le contraddizioni e il dibattito interno che vivono le Istituzioni italiane. Nel frattempo un gruppo di migranti pakistani e afghani, radunato in una casa abbandonata a Bihać, in Bosnia, è pronto a mettersi in viaggio, diretto verso l’Italia. Cosa accadrĂ  loro? L’Italia e gli altri Stati europei continueranno a respingerli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *