HOMETOWN

HOMETOWN – LA STRADA DEI RICORDI

di Mateusz Kudla, Anna Kokoszka-Romer

Polonia, 2021
Documentario – 75′

con Roman Polanski, Richard Horowitz

Sceneggiatura: Mateusz Kudla, Anna Kokoszka-Romer
Fotografia: Lukasz Herod
Montaggio: Mateusz Kudla
Scenografia: Karolina Kokoszka

Distribuzione: Europictures

 

INFO E ORARI:

SALA ODEON

LUNEDì 30 GENNAIO: 16.00*

*In lingua originale con sottotitoli in italiano

NUOVA SALA LAMPERTICO

VENERDì 27 GENNAIO: 16.30*
MERCOLEDì 1 FEBBRAIO: 16.30*

*in lingua originale con sottotitoli in italiano

Intero € 6,50 – € 7,50 (solo Ven-Sab-Dom in Nuova Sala Lampertico)

Ridotto* € 5,50 – € 6,50 (solo Ven-Sab-Dom in Nuova Sala Lampertico)

*over 60, giovani fino ai 26 anni, studenti con carta Vi-University

SINOSSI

Documentario che vede Roman Polanski e Ryszard Horowitz tornare in Polonia per condividere i ricordi più personali, legati alla loro infanzia e alla loro giovinezza. Da quando Polanski è andato via da Cracovia per diventare regista e Horowitz è fuggito a New York per intraprendere la sua carriera fotografica, i due non si sono più rivisti in patria, ma dopo oltre 60 anni tornano in quel luogo che li ha cresciuti e resi quelli che sono oggi. Durante la loro passeggiata per le strade di Cracovia, ricordano il passato e quei momenti difficili dello loro esistenza, come la vita nel ghetto ebraico costruito dai nazisti. Ripercorrono la storia della loro sopravvivenza all’epoca nazista: Horowitz è stato uno dei bambini salvati da Oscar Schindler e Polanski è stato tenuto nascosto da una povera famiglia di contadini cattolici. Seppur diversi, i due hanno avuto un percorso molto simile, entrambi, infatti, saltavano la scuola per andare al cinema o sviluppare le prime fotografie, innamorandosi così delle rispettive arti. I passi sul suolo polacco sono le memorie della loro dura e triste giovinezza, che li ha portati a essere oggi nomi affermati del cinema e della fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *