MARTEDì 28 agosto
ore 21.15
Chiostri di S.Corona - Vicenza

locandina ASSASSINIO SULLORIENT EXPRESS

Regia
Kenneth Branagh
Genere
GIALLO
Durata
113'
Anno
2017
Produzione
RIDLEY SCOTT, MARK GORDON, SIMON KINBERG, KENNETH BRANAGH, JUDY HOFFLUND, MICHAEL SCHAEFER PER GENRE FILMS, THE MARK GORDON COMPANY, SCOTT FREE PRODUCTIONS, THE ESTATE OF AGATHA CHRISTIE, TWENTIETH CENTURY FOX FILM CORPORATION
Cast

Tom Bateman (Bouc), Direttore della Compagnia, Lucy Boynton (Contessa Andrenyi), Kenneth Branagh (Hercule Poirot), Olivia Colman (Hildegarde Schmidt, la cameriera), Penélope Cruz (Pilar Estravados, la missionaria), Willem Dafoe (Gerhard Hardman, il professore), Johnny Depp (Edward Ratchett), Judi Dench (Principessa Natalia Dragomiroff), Josh Gad (Hector MacQueen, il segretario), Manuel Garcia-Rulfo (Biniamino Marquez), Derek Jacobi (Edward Masterman), il maggiordomo, Marwan Kenzari (Pierre Michel), il capotreno, Leslie Odom Jr. (Dott. Arbuthnot), Michelle Pfeiffer (Caroline Hubbard), la vedova, Sergei Polunin (Conte Andrenyi), Daisy Ridley (Mary Debenham), la governante, Miranda Raison (Sonia Armstrong), Hayat Kamille (Susanne Michel)

 

Nato a BELFAST (Irlanda del Nord) il 10 dicembre 1960. Cresciuto nel Regno Unito, ha studiato all'Accademia Reale d'Arte Drammatica. Nel 1982, a sei mesi dal diploma, ha debuttato in teatro dove continua a scrivere e ad interpretare pièces di notevole successo. Ha anche interpretato numerosi ruoli da protagonista per produzioni televisive. "Pene d'amor perdute" è l'ottavo film da lui diretto e interpretato. Era già un attore famoso quando, nel 1988, ha debuttato come regista in ambito cinematografico con "Enrico V", in cui ha interpretato la parte del protagonista. Il film ha riscosso un grande successo ed ha vinto diversi premi fra cui tre Oscar. Si è quindi trasferito ad Hollywood dove ha girato il resto dei suoi film (che lo hanno visto anche impegnato come attore in ruoli di primo piano) a partire da "L'altro delitto" (1991). Nel 1992 scrive, dirige e produce "Gli amici di Peter" mentre l'anno successivo è la volta del corto candidato all'Oscar "Il canto del cigno". Dello stesso anno è "Molto rumore per nulla". Nel 1993/94 è stata la volta di "Frankenstein di Mary Shelley" e "Nel bel mezzo di un gelido inverno", seguiti dall'"Amleto", nominato a ben quattro premi Oscar.

 

 

credits:

http://www.cinematografo.it

http://www.mymovies.it

http://www.movieplayer.it