DOMENICA 30 luglio
ore 21.30
Chiostri di S.Corona

Locandina Animali notturni

Regia
Tom Ford
Genere
DRAMMATICO, THRILLER
Durata
117'
Anno
2016
Produzione
Focus Features, Universal Pictures
Cast

Amy Adams (Susan Morrow), Jake Gyllenhaal ( Tony Hastings), Isla Fisher (Laura Hastings), Aaron Taylor-Johnson(Ray Marcus), Armie Hammer(Walker Morrow), Michael Shannon(Bobby Andes), Laura Linney(Anne Sutton), Karl Glusman(Lou)

 

Thomas Ford nasce ad Austin (Texas) il 27 agosto 1961. Nel campo della moda ha raggiunto fama internazionale dopo aver curato il rilancio della maison Gucci e per aver successivamente creato il marchio Tom Ford.
Tom Ford è anche il nome del padre, Shirley Bunton è invece la madre. Il giovane futuro stilista trascorre l'infanzia nei sobborghi di Houston, poi all'età di 11 anni si trasferisce con la famiglia a Santa Fe. Compie i suoi studi presso la St. Michael's High School e successivamente alla Santa Fe Preparatory School, diplomandosi nel 1979.
All'età di 17 anni si trasferisce a New York, dove oltre a studiare alla Parsons School of Design, studia storia dell'arte alla New York University. In questi anni frequenta la leggendaria discoteca Studio 54 e conosce il guru della pop art Andy Warhol. Durante l'ultimo anno di studi alla Parsons, Tom Ford lavora a Parigi per sei mesi come stagista nell'uffico stampa di Chloé. Dopo aver studiato moda per anni, si laurea nel 1986, ma consegue il titolo di architetto. Ancora nel 1986 entra a far parte dello staff creativo della designer Cathy Hardwick. La svolta decisiva avviene nel 1988, quando passa alla Perry Ellis come Direttore del Design sotto la supervisione di un'altra figura fondamentale del mondo della moda: Marc Jacobs.
Nel 1990 cambia radicalmente imbarcandosi nell'avventura del marchio Gucci, sull'orlo della bancarotta. Inizialmente occupa la posizione di responsabile dell'abbigliamento donna ready-to-wear, passando poi nel 1992 a Direttore del Design. Nel 1994 Gucci viene acquistata da Investcorp, un fondo di investimento del Bahrain, e Tom Ford scala ancora posizioni diventando Creative Director, con responsabilità sulla produzione e sull'immagine della compagnia.
Il 1995 è l'anno che rilancia Gucci e Ford nel gotha della moda mondiale, grazie alle linee guida stilistiche ed alle mirate campagne pubblicitarie del designer texano.
Nel 2000 assume anche l'incarico di Creative Director per Yves Saint Laurent, dopo che questa entra a far parte del gruppo Gucci. Nel 2004 Tom Ford e Domenico De Sole decidono di lasciare il gruppo Gucci. La sua ultima sfilata è del mese di marzo 2004.
Il duo Ford-De Sole crea la società "Tom Ford". Collabora con Estée Lauder per quanto riguarda profumi e cosmetica, e crea una collezione di occhiali da sole con il suo nome. Stravagante e anticonformista lancia sul mercato un suo profumo dal nome di "Black Orchid".
Nella primavera del 2007 presenta la collezione maschile che porta il suo nome. La linea menswear rimane disponibile fino al 2008 nelle boutique monomarca Ermenegildo Zegna e successivamente in punti vendita selezionati. Per le campagne pubblicitarie delle sue linee si affida allo stile forte di Marilyn Minter e Terry Richardson. Da sempre attento allo stile e al glamour hollywoodiano, ha sempre avuto contatti con il mondo del cinema: nel 2001 appare come se stesso nel film "Zoolander" e nel 2008 cura gli abiti di James Bond/Daniel Craig in "Quantum of Solace".
Ancora nel 2008 decide di intraprendere una nuova avventura artistica, debuttando alla regia cinematografica con "A Single Man". Dopo aver acquistato i diritti del romanzo di Christopher Isherwood "Un uomo solo", inizia le riprese del film tra ottobre e novembre 2008. Il film è stato presentato in concorso alla 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, dove ha ottenuto un'ottima accoglienza. Attore protagonista è l'inglese Colin Firth, che si è aggiudicato la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile. La storia racconta una giornata ordinaria di un professore omosessuale e della sua solitudine dopo la morte del suo compagno. Tom Ford necura anche la sceneggiatura e la produzione.

 

credits:

http://www.cinematografo.it

http://www.mymovies.it

http://www.movieplayer.it