LUNEDì 6 febbraio 2017
ore 16 - 18 - 20 (Sala Lampertico)
CON SOTTOTITOLI

SULLY LOCANDINA2

Regia
Clint Eastwood
Genere
Biography, Drama
Durata
96
Anno
2016
Cast

Aaron Eckhart (Jeff Skiles),
Laura Linney (Lorraine Sullenberger),
Tom Hanks (Chesley 'Sully' Sullenberger)

Trama

SUMMARY:
On January 15, 2009, the world witnessed the “Miracle on the Hudson” when Captain “Sully” Sullenberger glided his disabled plane onto the frigid waters of the Hudson River, saving the lives of all 155 aboard. However, even as Sully was being heralded by the public and the media for his unprecedented feat of aviation skill, an investigation was unfolding that threatened to destroy his reputation and his career.

Critica

REVIEW:
On a frigid January morning in 2009, dozens of passengers found themselves perched on the wings of US Airways Flight 1549 — in the Hudson River.
Well. ON the Hudson River. Just a few minutes after takeoff, the plane was struck by a flock of Canadian geese, rendering both engines powerless and necessitating a return to LaGuardia Airport — but when it was determined there wasn’t enough time to reach LaGuardia or any other nearby runway, the plane made an emergency crash landing on the water, and miraculously, all 155 passengers and crew survived. At the helm of Flight 1549 was one Chesley “Sully” Sullenberger, who within 24 hours became one of the most famous American pilots this side of Charles Lindbergh. It seems almost a foregone conclusion Clint Eastwood would direct and Tom Hanks would star in the movie version of the story. (Can you think of a better starting battery? I can’t.) As accomplished as they are, it would be an understatement to say Eastwood and Hanks meet expectations. This isn’t just a solid piece of work; it’s resonant. The 86-year-old Eastwood gives us an electrifying thriller, a wonderful in-depth character study and a fascinating airline safety procedural, while Hanks delivers another in a long line of memorable, nomination-worthy performances. (Sidebar: How is it Tom Hanks hasn’t been nominated for an Oscar since 2001 with “Castaway”? Could it be the Academy has fallen into a pattern of taking his comfortable, outwardly effortless genius for granted?) “Sully” begins with the immediate aftermath of the water landing, with Hanks’ Sully and his co-pilot, Jeff Skiles (Aaron Eckhart in one of his most measured and authentic performances), seemingly barely dried off being soaked in the icy waters of the Hudson when they have to face down a skeptical group of inquisitors from the National Transportation Safety Board, including Mike O’Malley as Charles Porter and Anna Gunn from “Breaking Bad” as Dr. Elizabeth Davis. From the get-go, it’s clear some on the panel believe Sully might have panicked and actually had enough engine power and enough altitude and time to get back to an airport. They ask Sully questions about how much sleep he had before the flight, when he had his last drink — and if he was experiencing any problems at home. They’re looking for chinks in the armor of a man who was already being hailed as a hero in the media and who seemed a bit uncomfortable under the lights, but didn’t say no to David Letterman or Katie Couric or plenty of other interview opportunities. Eastwood directs with his usual economical style. (Even his longest-running films rarely seem to waste our time with overlong scenes of exposition, or unnecessary supporting characters.) We learn a little about Sully’s love of piloting and his resourcefulness in times of crisis via a couple of flashback scenes, and we’re introduced to a handful of flight attendants and rather thinly sketched passengers, including two adult sons and their beloved old pops, a young woman with a baby and a grown woman and her elderly mother. Mostly, though, “Sully” is about Sully. Hanks is so good he could play this character in a one-man show with nothing but a chair and a telephone onstage and it would be riveting.
On the surface, Sully is a calm, cool, no-nonsense, self-effacing veteran of some 42 years as a pilot. But in the aftermath of the landing, he has visions of the plane smashing into Manhattan buildings, he has dreams of news reporters questioning his judgment, and he confesses his doubts and fears in intimate telephone conversations with his wife Lorraine (Laura Linney, who spends nearly every second of her screen time on the phone with Sully).
Eventually, at just the right time, “Sully” takes us through those harrowing, incredible 208 seconds when Flight 1549 is struck by those birds, and the engines burst into flames before dying out, and Sully and Skiles react in the cockpit, and the flight attendants repeatedly command, “Heads down, stay down, heads down, stay down!” and a commercial aircraft rapidly sinks in the skies above New York City (of all places) and eventually splashes down on the Hudson.
The editing and the special effects and the performances are so pitch-perfect, this is as close as you’d ever want to come to being on that flight on that January day.
“Sully” is an absolute triumph.
Richard Roeper, Chicago.suntimes.com, 09/06/2016

Trailer


Altre informazioni

Writer: Chesley Sullenberger (Book "Highest Duty"), Jeffrey Zaslow (Book "Highest Duty"), Todd Komarnicki (Written By)
Runtime: 96 min
Rating: Rated PG-13 for some peril and brief strong language
Official Site: http://www.sully-movie.com/
Production: Malpaso Productions
Genres: Biography, Drama
Country: USA
Language: English Home Release
Date: Dec 20, 2016



 

Nato a SAN FRANCISCO, California (USA) il 31 maggio 1930
 
Clint Eastwood
Attore, regista, produttore e musicista. Figlio di Clinton Sr. e Ruth Eastwood, ha una sorella, Jane. Cresce durante il periodo della Depressione e, con il padre costretto a cambiare spesso lavoro, la famiglia si sposta in diverse città della California. Non compie studi regolari e si ritrova a fare i mestieri più disparati per mantenersi: boscaiolo, guardiano notturno, camionista, impiegato in acciaierie e fabbriche di aeroplani, bagnino e persino pianista e trombettista jazz, vista la sua passione per questo tipo di musica. Nei primi anni Cinquanta si arruola nei servizi speciali dell'esercito statunitense e partecipa alla guerra di Corea. Nel 1955 va ad Hollywood per un provino con la Universal, ottenendo solo piccole parti in televisione e in film di serie B. Nel '58 arriva la grande occasione: un giorno va a trovare un suo amico negli studi della CBS, quando un dirigente che lo incontra nei corridoi decide che Clint ha l'immagine giusta per interpretare il cowboy Rowdy Yates nella serie televisiva "Rowhide" di cui in sette anni girerà più di duecento episodi. Nel '64 Sergio Leone lo sceglie per interpretare i suoi 'spaghetti western'. Con la sua faccia spigolosa, gli occhi taglienti e il mezzo sigaro stretto tra le labbra sottili è perfetto per interpretare l'eroe del west, ma anche il personaggio che rilancia il genere poliziesco degli anni Settanta: l'ispettore Callaghan creato dal regista Don Siegel. Alla fine degli anni Sessanta fonda la casa di produzione Malpaso e nel '71 esordisce nella regia con "Brivido nella notte". Da questo momento in poi dirige e interpreta film in cui i suoi personaggi duri e di poche parole acquistano anche toni romantici. Apprezzato in ritardo dalla critica, è stato invitato più volte a Cannes. Nel 1989, grazie a "Bird", vince il Golden Globe come miglior regista premio che riconquista anche nel 1993 per "Gli spietati". E' con questa pellicola che riesce ad aggiudicarsi ben due Oscar per il miglior film e la migliore regia. Nel 1994 è Presidente di Giuria al Festival di Cannes. Nel 1999 è premiato come star più amata di tutti i tempi ai People's Choise Awards. Ha ricevuto diversi premi alla carriera tra cui il prestigioso Irving G. Thalberg Memorial Award nel 1995, il César nel 1998, il Leone d'oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia 2000 e la Palma d'oro alla carriera al 62mo Festival di Cannes. Nel 2005 arriva un altro Golden Globe per la regia di "Million Dollar Baby" per il quale vince anche l'Oscar per il miglior film e la migliore regia. Nel 2008 partecipa in concorso al Festival di Cannes con il suo "Changeling", che gli fa ottenere il Premio Speciale della 61ma edizione. Il film successivo, "Gran Torino" (2008; David di Donatello in Italia e premio César in Francia come Miglior Film Straniero e, sempre in Italia Nastro d'argento allo stesso Eastwood come Regista del Miglior Film) ottiene ancora grande successo pur affrontando il difficile tema dell'integrazione razziale nelle società contemporanee. Tema affrontato anche nel dramma sportivo post-apartheid "Invictus - L'invincibile" (2009), ambientato sullo sfondo del mondiale di Rugby del '95 che segnò un passo decisivo nel cammino verso la pace tra bianchi e neri e realizzato alla soglia degli 80 anni di età. Instancabile, nonostante la maturità anagrafica, continua a dirigere opere apprezzate da pubblico e critica come "Hereafter" (2010; David di Donatello 2011 come Miglior Film Straniero), "J. Edgar" (2011; biopic sul capo dell'FBI J. Edgar Hoover), "Jersey Boys" (2014; altro biopic, ma di stampo musicale, che narra la storia di Frankie Valli e della sua band The Four Seasons), il pluricandidato dramma di guerra "American Sniper" (2015). Senza dimenticare il ruolo da protagonista accanto ad Amy Adams e Justin Timberlake nel dramma sportivo "Di nuovo in gioco" (2012) di Robert Lorenz. Molto movimentata la sua vita sentimentale: nel '53 sposa Maggie Johnson con cui ha due figli, Kyle (musicista, attore e compositore di colonne sonore) e Alison (stilista), e da cui divorzia nel '78; poi una serie di relazioni: con le attrici Sondra Locke, Frances Fisher (una figlia, Francesca Ruth, attrice) e Roxanne Tunis (una figlia, Kimber, produttrice e make-up artist) e con Jacelyn Reeves da cui ha altri due figli, Kathryn e Scott (entrambi attori). Dal '96 al 2014 è stato sposato con la giornalista Diana Ruiz da cui ha avuto l'ultima figlia, Morgan (apparsa ancora bambina nei film del padre "Million Dollar Baby" e "Changeling") . Dal 1986 al 1988 è stato sindaco della cittadina Carmel-by-the-Sea, in California, dove possiede il Mission Ranch Inn. Appassionato di golf, è proprietario dell'esclusivo Tehama golf club nella Carmel Valley ed è socio del famoso Peeble Beach Golf Club. Pianista jazz di talento, è autore di molte delle colonne sonore dei suoi film.

 

 

credits:

http://www.cinematografo.it

http://www.mymovies.it

http://www.metacritic.com

http://www.variety.com

http://www.movieplayer.it

Iscriviti se vuoi recevere le nostre newsletter e non perderti nessuna uscita !
captcha  Privacy e Termini di Utilizzo

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.