GIOVEDì 17 agosto
ore 21.15
Chiostri di S.Corona

QUELLO CHE SO DI LEI LOCANDINA

Regia
Martin Provost
Genere
DRAMMATICO
Durata
117'
Anno
2017
Produzione
CURIOSA FILMS, IN COPRODUZIONE CON FRANCE 3 CINÉMA, VERSUS PRODUCTION, IN ASSOCIAZIONE CON MEMENTO FILMS DISTRIBUTION, MEMENTO FILMS INTERNATIONAL, COFIMAGE 27, INVER INVEST
Cast

Catherine Frot - Claire Breton, Catherine Deneuve - Béatrice Sobolevski, Olivier Gourmet - Paul, Quentin Dolmaire - Simon, Mylène Demongeot - Rolande, Pauline Étienne - Cécile, paziente, Audrey Dana - Direttrice del reparto ospedaliero moderno, Pauline Parigot - Lucie, Marie Gili-Pierre - Evelyne, Jeanne Rosa - Elodie, Elise Oppong - Sophie, Jacques Mechelany - Francis, Karidja Touré - Sig.ra Naja, Jisca Kalvanda - Sig.ra Werba, Fayçal Safi - Sig. Werba, Anthony Dechaux - Thomas, Marie Paquim - Angeline

Trama

Claire è un'ostetrica eccellente e talentuosa, con un'abilità naturale e il tocco più delicato per far nascere i bambini. Con il passare del tempo, però, i suoi modi delicati, il suo senso di orgoglio e di responsabilità iniziano a scontrarsi con i metodi più efficienti dei moderni ospedali. Così, giunta ormai alla fine della sua carriera, Claire comincia a mettere in discussione il proprio ruolo e le sue abilità. Poi, un giorno, la donna riceve una strana telefonata, una voce dal passato. Si tratta di Béatrice, la stravagante e frivola amante del suo defunto padre, sparita senza lasciare traccia trent'anni prima. Quest'ultima ha importanti e urgenti notizie per lei e vuole rivederla. E' così che la iper coscienziosa Claire e lo spirito libero, amante della vita Béatrice impareranno ad accettarsi l'un l'altra e, rivelandosi vecchi segreti, recupereranno gli anni perduti.

Critica

"Due Catherine al prezzo d'una, e splendide: la Frost e la Deneuve, in una singolar tenzone dove infilzano rimorsi, rancori e rimpianti. (...) Martin Provost (esperto di signore, 'Sèraphine e Violette') trova la coerenza narrativa, il taglio e la precisione del romanzesco femminile, l'incredibile mélo delle cose della vita alla Sautet ma anche alla Balzac, agganciandoci a una storia di cui siamo complici grazie a due amiche-nemiche e a un camionista non di passaggio." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 1 giugno 2017)

"Che cosa, del film francese 'Quello che so di lei', è più interessante o addirittura toccante? Non tanto il personaggio della donna più giovane, l'ostetrica Claire (...). Quanto il secondo personaggio femminile, la 'cicala' Béatrice affidata a una Catherine Deneuve tanto più prodigiosa in quanto sembra abbracciare un personaggio ai suoi antipodi (...). Il conflitto è aspro e ad attutirlo contribuisce un uomo semplice e naturale (Olivier Gourmet) che riesce a scalfire la corazza di Claire." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 1 giugno 2017)

"La formica e la cicala. Non fa mistero Provost di essersi ispirato alla celebre fiaba di La Fontaine per imbastire il suo racconto di due donne, così distanti eppure tanto vicine, che s'incontrano trasformandosi reciprocamente. (...) Fra screzi e giochi degli opposti, il dramedy diverte e commuove, con il pregio di non annullare le differenze bensì promuoverne le convivenze. Applaudito a Berlinale 2016, offre l'occasione di gustare due immense interpreti in stato di grazia." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 1 giugno 2017)

"(...) Deneuve è straripante e sensuale, colori vivaci, battute, tacchi alti e una vita da avventuriera. Commedia alla francese molto femminile, la chiave è lasciarsi coinvolgere da tanta energia." (Claudia Ferrero, 'La Stampa', 1 giugno 2017)

"Piacerà a chi non vorrebbe mai perdere un duello tra due primedonne del cinema francese. Nel confronto tra la Deneuve (ma chi l'avrebbe detto che sarebbe diventata così brava?) e Catherine Frot vince di misura la seconda che ha il personaggio meno programmato e prevedibile." (Giorgio Carbone, 'Libero', 1 giugno 2017)

"Le due Catherine, Deneuve e Frot, regalano due ritratti di grande spessore di queste donne agli antipodi. A volte, non è la storia a far grande un film. Questa, in effetti, non dice nulla di particolarmente nuovo e sconvolgente. Eppure, con attrici così brave, capaci, anche solo con uno sguardo o un gesto, di riempire di significato una scena, non c'è che da gustarsi il film, in silenzio, con ammirazione e un po' d'invidia verso i nostri cugini. Una pellicola dove vita e morte, passato e presente, amore e abbandono, si alternano come marionette manovrate dai fili del destino. La morale del film spinge sulla condanna del «tutto o nulla». Occorre sciogliersi, aver voglia di cambiare, fare dei compromessi, ritrovare la 'joie de vivre', indipendentemente dall'età." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 1 giugno 2017)

"Nella scontrosa amicizia tra un'ostetrica riservata e sobria e l'esuberante ex amante del padre (...) c'è uno standard di commedia per duo di mattatrici a rischio costante di 'strana coppia'. Non va così, per perizia e arte: una volta agganciate la Catherine Frot col suo impermeabile stinto e la Catherine Deneuve con il suo look da madame, si entra nel bisticcio di Claire e Béatrice come in un viaggio reale di piccoli e grandi rimpianti, di gusti e disgusti, solidarietà e disinganno. Riesce perfino a emergere uno sfondo sociale di precarietà nel quale il gesto neonatale non è un attributo professionale, ma un messaggio per il futuro. Non è sempre tutto in equilibrio, ma Provost (...) è onesto." ('Nazione-Carlino-Giorno', 1 giugno 2017)

"(...) seconda bella sorpresa della giornata berlinese, 'Sage femme', cioè ostetrica, scritto e diretto da Martin Provost addosso alle misure mattatoriali di Catherine Deneuve. Un pezzo di storia del cinema che gioca di continuo con la memoria dei suoi ruoli duettando con la non meno straordinaria Catherine Frot nel ruolo di due donne opposte ma in certo modo complementari. (...) Provost, grande scultore di personaggi femminili, dosa con maestria rivelazioni, colpi di scena, affondi sentimentali. Grazie a una sceneggiatura così perfetta da concedersi anche deviazioni improvvise e feconde (quel ragazzo che nuota come un campione nella Senna, scena bella visivamente quanto imprevista), che danno a questo film ipertradizionale un vigore e un'emozione inaspettati. Puro 'cinéma de papa', come si diceva una volta, anzi 'de maman', ma che attori (da premio Olivier Gourmet, camionista e poeta inconsapevole) e che divertimento. Uno di quei film generosi e per tutti che oggi non sa fare quasi più nessuno. E proprio per questo, triste paradosso, rischia di essere sottovalutato." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 15 febbraio 2017)

Trailer


Altre informazioni

Sceneggiatura: Martin Provost
Fotografia: Yves Cape
Musiche: Grégoire Hetzel
Montaggio: Albertine Lastera
Scenografia: Thierry François
Arredamento: Catherine Jarrier-Prieur
Costumi: Bethsabée Dreyfus

Nazione
FRANCIA
Distribuzione
BIM

 

 

credits:

http://www.cinematografo.it

http://www.mymovies.it

http://www.movieplayer.it

Iscriviti se vuoi recevere le nostre newsletter e non perderti nessuna uscita !
Privacy e Termini di Utilizzo

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.